ESERCIZIO Blood Films for Morphology 2008FB

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • #8496 Rispondi
    Corbella Marco
    Amministratore del forum

    Apertura 07/12/2020 Chiusura 17/12/2020

    CASO 1 – Striscio 2008FB1 – E’ stato presentato il caso di una donna di 51 anni con leucemia acuta mieloide (LAM); la maggior parte dei partecipanti (74%) ha correttamente identificato la patologia. Altri laboratori hanno suggerito una LAM secondaria a mielodisplasia (5%), una leucemia acuta senza specificare la linea di differenziazione (5%) o una neoplasia mieloide senza specificare la natura acuta della patologia (5%). La natura mieloide è confermata dalla differenziazione monocitica, dalla displasia dei neutrofili (citoplasma degranulato ed elementi pseudo-pelger) e la presenza di blasti granulati. L’aspetto peculiare di questo preparato, che purtroppo è stato notato solo da circa il 10% dei partecipanti, è la presenza di emazie falciformi e di emazie con corpi di Jolly suggestive quindi per un paziente affetto da anemia falciforme ed iposplenismo, informazioni molto utili per il trattamento della malattia acuta riscontrata.

    CASO 2 – Striscio 2008FB2 – E’ stato presentato il caso di un uomo di 71 anni con una storia di trombocitemia essenziale Jak-2 mutata evoluta a LAM. Per i partecipanti la diagnosi di questo caso è stata più difficoltosa infatti la maggior parte ha suggerito un primo luogo un disordine linfoproliferativo/linfoma/leucemia linfatica cronica, seguito da leucemia linfoblasica acuta (LAL) e solo al terzo posto troviamo la diagnosi di LAM. L’osservazione di numerose ombre nucleari può aver guidato verso una sospetta diagnosi di disordine linfoproliferativo ma occorre notare che questo è un aspetto morfologico aspecifico. Alcuni elementi blastici presentavano dei granuli citoplasmatici, aspetto non comune nel caso di LAL ma che può più facilmente indirizzare la diagnosi verso una LAM, ipotesi confemata dall’immunofenotipo descritto (CD34+ CD13+ CD33+/- CD117+ HLA-DR+). Come dimostrato dall’eterogeneità delle conclusioni raggiunte dai partecipanti, la morfologia di questo preparato non era molto specifica ma l’importante è aver evidenziato una leucemia acuta, solo conoscendo la storia del paziente, la trasformazione in una LAM secondaria sarebbe stato altamente probabile. Sintetizzerei quindi l’analisi di questo preparato con la dichiarazione finale della Prof.ssa Bain: “Sherlok Holmes potrebbe essere stato sconfitto”.

     

     

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
Rispondi a: ESERCIZIO Blood Films for Morphology 2008FB
Le tue informazioni: