ESERCIZIO 22E9 & 22ANT4

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • #10303 Rispondi
    Corbella Marco
    Amministratore del forum

    Apertura 24/10/2022 Chiusura 3/11/22
    SCREENING ANTICORPALE: In questo esercizio non sono stati commessi errori.
    IDENTIFICAZIONE ANTICORPALE: Tutti i laboratori partecipanti hanno correttamente identificato la presenza di anti-c+/-E nel Paziente 1 (antic+ K). Tre laboratori non hanno notato la presenza di una seconda specificità, e altri tre hanno identificato erroneamente la seconda specificità (due registrando anti-M e uno registrando anti-Fyb).
    DISCUSSIONE (tratta dal report inglese): Quando si inseriscono i dati per i campioni EQA, è importante verificare che i dati vengano registrati e trascritti per il paziente corretto; questo vale anche per l’inserimento dei dati dei risultati dei test manuali su campioni clinici in un LIMS.
    I contrassegni relativi a reazioni o risultati su un analizzatore hanno lo scopo di attirare l’attenzione su un problema con il test. I laboratori dovrebbero avere una politica in atto per la gestione di tutti i flag per garantire che i risultati non validi non vengano accettati.
    Per evitare un’identificazione errata, ogni indagine sugli anticorpi dovrebbe includere un processo sistematico di esclusione e di identificazione positiva delle specificità anticorpali. La Linea Guida BSH1 per l’inclusione delle specificità anticorpali richiede che “il plasma sia reattivo con almeno due esempi di globuli rossi reagenti che esprimono l’antigene e non reattivo con almeno due esempi di globuli rossi reagenti privi dell’antigene”.
    Quando è presente un anti-c in un campione di un paziente, è spesso difficile identificare la specificità di eventuali anticorpi aggiuntivi, in quanto la maggior parte dei pannelli di identificazione degli anticorpi ha solamente un piccolo numero di cellule c negative. Ventisette laboratori in UK di fronte questa difficoltà hanno potuto sfruttare la segnalazione UI (Incapace di Identificare) per il Paziente 1; di questi 25 sono state accettate. Altri sette i laboratori con errori avrebbero potuto trarre un vantaggio dall’invio di una segnalazione UI.
    Sebbene l’antigene K sia generalmente resistente al trattamento enzimatico, non tutti gli esempi di anti-K reagiscono con i globuli rossi trattati con gli enzimi in un test enzimatico standard a due stadi e l’anti-K non dovrebbe essere escluso in caso di reazione negativa con una cellula K+ utilizzando questo test da solo.
    Tuttavia, l’anti-K che è rilevabile con IAT reagirà in enzima IAT e questa tecnica può essere utile nel differenziare tra anti-K e specificità in cui l’antigene corrispondente è denaturato dal trattamento enzimatico.
    1 BSH guidelines for pre-transfusion compatibility testing in blood transfusion laboratories. Transfusion Medicine volume 23, issue 1, pages 3-35 February 2013, and at https://b-s-h.org.uk/guidelines/ (accessed 11/10/2022).

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
Rispondi a: ESERCIZIO 22E9 & 22ANT4
Le tue informazioni: