ESERCIZIO 22ABOT2

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • #10066 Rispondi
    Corbella Marco
    Amministratore del forum

    Apertura 11/04/2022 Chiusura 25/04/2022
    I Pazienti 2 e 3 sono stati preparati inizialmente dallo stesso pool, ma un piccolo volume di anti-c ad alto titolo è stato aggiunto al Paziente 3. La figura in basso compara i titoli IAT ottenuti per il Paziente 2 e 3. Cinque laboratori hanno registrato un titolo di 8 o meno per il paziente 2, e possono avere usato delle proprie cellule per la titolazione contravvenendo alle istruzioni dell’esercizio.
    8/84 (9.5%) laboratori che hanno risposto alla domanda, hanno indicato che non eseguono o non ottengono risultati di uno screening/pannello anticorpale per i pazienti sottoposti a titolazione ABO; quattro (uno in UK) di questi sono tra i 75 che supportano programmi di trapianto ABO incompatibile. Uno degli otto laboratori ha indicato che essi eseguono uno screening anticorpale solo una volta ogni tre mesi.
    In questo esercizio, le istruzioni richiedevano che i globuli rossi forniti fossero usati per la titolazione, e che i risultati IAT suggeriscono che la maggior parte dei laboratori ha usato queste cellule come indicato nelle istruzioni. In una situazione clinica quelli che hanno eseguito uno screening anticorpale sarebbe stati consapevoli della necessità di selezionare cellule c negative per la titolazione, e un numero di laboratori ha contattato lo schema per indicare che questo sarebbe stato il caso. Tuttavia, se questa fosse stata una situazione clinica, è possibile che un titolo anti-A IAT falsamente alto avrebbe potuto essere segnalato per il paziente 2 nel 5% dei laboratori che supportano trapianti incompatibili con ABO. Questo comporta il rischio per i pazienti di essere esclusi inutilmente da alcuni programmi di trapianto o di essere soggetti a misure di riduzione anticorpali inadeguate.

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
Rispondi a: ESERCIZIO 22ABOT2
Le tue informazioni: